Calcolo del risparmio fiscale per una SNC

In molti casi le Snc possono ottenere un sostanzioso risparmio fiscale passando ad una forma societaria alternativa come la Srl o la Sas.
Ci offriamo di valutare gratuitamente la tua situazione e di fornirti un calcolo del potenziale risparmio fiscale
inserisci i tuoi dati nel modulo di contatto e ottieni ora una consulenza gratuita!

Richiedi Consulenza

Quando conviene passare alla Srl?

  • Srl: l'aliquota IRES è unica al 27,5%

  • Snc: l'IRPEF è progressiva dal 23% al 43%

  • La Srl conviene se è i redditi complessivi dei soci sono superiori a € 35.048
    (corrispondente all'aliquota del 27,5%)
Reddito Snc Srl Differenza Scelta
  IRPEF
% IRES
%    
10.000 2.300 23,0% 2.750 27,5% 450 SNC
30.000 7.720 25,7% 8.250 27,5% 530 SNC
35.048 9.638 27,5% 9.638 27,5% 0 =
50.000 15.320 30,6% 13.750 27,5% - 1.570 SRL
100.000 36.170 36,2% 27.500 27,5% - 8.670 SRL
150.000 57.670 38,4% 41.250 27,5% - 16.420 SRL
200.000 79.170 39,6% 55.000 27,5% - 24.170 SRL

Esempio di trasformazione da SNC in SRL

  • Analisi effettuata sulla base di un'ipotetica S.n.c. con due soci al 50%
  • Reddito previsionale società pari ad euro 100.000
  • Compensi per ciascun amministratore pari ad euro 30.000
  • Assenza di deduzioni e detrazioni
S.N.C.
Calcolo Irpef dei Soci
Sul Reddito d'Impresa socio A socio B
Imposta Irpef €27.570 €27.570
Totale €55.140
S.R.L.

Calcolo Ires

Sul reddito d'impresa
Imposta Ires 27,5% su €100.000
Totale €27.500

Risparmio Fiscale della S.r.l.
(senza distribuzione di dividendi ai soci)

- € 27.640

S.R.L.

Calcolo Irpef Soci
Dividendo: euro 30.000 ciascun socio

sul Dividendo socio A socio B Totale
Imposta Irpef €3.427 €3.427 €6.855
Totale €34.355

Risparmio Fiscale della S.r.l.
(con distribuzione di dividendi ai soci)

- € 20.785

Ulteriori vantaggi di una Srl

  • La limitazione di responsabilità.
    Evidentemente la sostanziale differenza tra una società di persone (s.n.c., e limitatamente ai soci accomandatari nella s.a.s.) ed una società di capitali (s.r.l./.s.p.a.) è costituita dalla responsabilità limitata al patrimonio sociale e dall’assenza di responsabilità solidale da parte dei soci che, oltretutto, non sono fallibili.

  • Il regime di circolazione delle quote.
    In una s.r.l. la cessione di una quota è più facile ed a portata di mano. Chi acquista non subentra nelle responsabilità sociali pregresse, o vi subentra solo per la quota di capitale sociale nominale, e, dunque, può compiere il passo con maggiore tranquillità rispetto ad una società di persone ove il subentrare può rivelarsi un grave interrogativo, specie se difetta la trasparenza.

  • L’immagine di mercato,
    sicuramente più matura e professionale per una srl rispetto ad una snc.

I costi di gestione di una srl

I costi di gestione di una s.r.l. (diritti camerali, tassa scritture, bilanci UE al Registro Imprese, cariche sociali e scritture contabili sicuramente più strutturate), essendo la s.r.l. di struttura più rigida rispetto alla s.n.c., sono di poco superiori, per un importo medio annuo aggiuntivo di 1.500/2.500€ circa; tale spesa aggiuntiva pertanto è ampiamente compensata dal risparmio di imposte sopra descritto.

Trasformazione da Snc o Impresa Individuale a Sas (Società in Accomandita Semplice)

In alcuni casi la trasformazione più conveniente, a partire da una ditta individuale o da una Snc, può essere quella di passare alla forma societaria della Sas. Possiamo considerare la Sas come una forma ibrida tra la Snc e la Srl.

Quali sono i vantaggi della Sas?

  • Aspetto civilistico, limitazione della responsabilità in capo al socio accomandante (diviene “di fatto” come un socio  di SRL).
  • Risparmio fiscale, per effetto della distribuzione del reddito in capo ai soci tassati con aliquota progressiva Irpef.
  • Risparmio previdenziale, in presenza di soci non lavoratori, riduzione dei versamenti dei contributi previdenziali obbligatori.

Si consideri che l’imprenditore individuale o il socio di Snc sono soggetti a contribuzione previdenziale (aliquota gestione IVS Commercianti ed Artigiani pari al 23%/24%) sul reddito di impresa, anche tale reddito non è percepito o non è prelevato dagli stessi.

 

* la consulenza gratuita è riservata alle società situate in Emilia-Romagna